Grimani

Grimani, famiglia nobile veneziana con possedimenti in Istria. Due rami famigliari, conosciuti nel XI sec., si unirono nel XIII sec.

Furono importanti durante l'espansione veneziana in Oriente, e raggiunsero il massimo dello splendore tra il XVI - XVII sec. quando diedero alcuni dogi: Antonio (1521-23), Marino (1595-1605), Pietro (1741-52). Domenico (1461-1523), il figlio di Antonio, era un umanista e mecenate, nonché cardinale e patriarca aquileiano (1497-1522). Dopo la morte lasciò a Venezia il Breviario (Breviario Grimani) che dal 1797 si trova alla Biblioteca Marciana. Per la storia istriana è rilevante il ramo della famiglia che aveva in possesso il castello di Sanvincenti e beni a Visinada e dintorni (ereditati nel XVI sec.). A Sanvincenti si legano i castellani Ermolao (XVI sec.) e Pietro (XVII sec.), nonchè la nobildonna Lucrezia, a Visinada Girolamo (XVI sec.), ed in Istria risiedevano il provedditore Marino (XIV  sec.), il rettore veneziano Francesco (XVI  sec.), il podestà di Capodistria Nicolò (XVI-XVII sec.) e il capitano di raspo Marcantonio (XVII  sec.).

 

BIBLIOGRAFIA: I. Milovan, Savičenta, Rovinj 1975; G. Radossi, Monumenta Heraldica Iustinopolitana. Stemmi di rettori, di famiglie notabili, di vescovi e della città di Capodistria, Rovigno–Trieste 2003.

S. Bertoša