Gandusio, Antonio

Gandusio, Antonio, attore teatrale cinematografico (Rovigno, 29-VII-1873 - Bologna, 23-V-1951). Se ne andò da Rovigno a Roma per studio, dove nel 1899 iniziò ad occuparsi di recitazione. Contemporaneamente alla recitazione continuò a studiare laureandosi in giurisprudenza a Genova nel 1915. Rifiutò l'arruolamento nell'esercito austroungarico rimanendo in Italia.

 

Fra le due guerre e nel primo dopoguerra aveva recitato in più di una decina di compagnie teatrali, perlopiù nelle parti comiche di Arlecchino, oltre che in quelle dei personaggi di Molière e Goldoni. Era conosciuto per la mimica esplosiva, la voce profonda e la fisionomia, inoltre realizzo numerosi personaggi grotteschi. Tra il 1936 e il 1946 recitò in una trentina di film di poco valore artistico, anche se in alcuni hanno debuttato famosi attori italiani (Albeto Sordi, Paolo Stoppa, Peppino De Filippo, Vittorio De Sica). In suo onore il teatro a Rovigno porta il suo nome.

R.