Ponzone (Ponzoni, Pončun), Matteo

Ponzone (Ponzoni, Pončun), Matteo, pittore (Venezia, 1583 - Venezia, dopo il 1663). Fino al ritrovamento del documento che attesta che è nato a Venezia e battezzato il 3 novembre nella chiesa di San Moisè, il mondo professionale riteneva che fosse d'Arbe.

Il suo maestro era Sante Peranda e agli inizi della carriera, non era influenzato solo dalla sua opera ma anche da quella di J. Palma il giovane. Nella società veneziana Arte dei dipintori appare dal 1613 al 1633. Da quel periodo le opere più significative sono San Giorgio uccide il drago (Madonna dell'Orto, 1615), due pale per il duomo a Cividale, San Bartolomeo (Trieste) e i dipinti L'omaggio dei Re e l'Annunziazione dalla chiesa di San Teonisto, oggi nel museo a Treviso (1629). A quel periodo s'attribuiscono anche la Visitazione dal santuario della chiesa parrocchiale a Valle, mentre le pale La presentazione nel tempio e la Madonna di San Rosario della chiesa parrocchiale a Visinada esprimono solo le analogie con l'arte di Sante Peranda (1600 cca.) e le opere prime di Ponzone. All'invito del fratello, arcivescovo di Spalato, attorno al 1633 si trasferì in Dalmazia, per dieci anni, dove ha lasciato un opus significativo: le rappresentazioni con i simboli dell'eucaristia, le quattro rappresentazioni dei santi e di due papa in cattedrale, San Francesco, San Geronimo e SS. Antonio, Clara, Augusto e Stefano (Sebenico), alcune pale con la rappresentazione del Miracolo a Soriano (Spalato, Kurzola, Čiovo/Bua). Al ritorno a Venezia ha avviato il laboratorio, e i suoi discepoli erano Antonio Zanchi, Pietro Negri, Andrea Celesti e Giovanni Carboncino.

 

BIBLIOGRAFIA: K. Prijatelj, Matej Ponzoni-Pončun, Split 1970; R. Tomić, Značajno djelo Mateja Ponzoni-Pončuna u Istri, Radovi Instituta za povijest umjetnosti, 1990, 14; isti, Splitska slikarska baština, Zagreb 2002.

N. Kudiš-Burić