Musica etnica

Musica etnica, musica di artisti diversi che hanno un qualche legame con la musica tradizionale. In Croazia e Slovenia è sinonimo di quell'indirizzo musicale conosciuto come "world music". I predecessori della musica etnica in Istria erano il gruppo Istranova e i suoi singoli membri, che ancora oggi, con una creazione musicale attiva guidano spesso delle iniziative per presentare e promuovere la musica istriana (rinnovamento di tradizioni, incontri di suonatori di bajs (contrabbasso rustico) e di fisarmonica diatonica, pubblicazioni, lezioni, tutoraggio, lancio di una sezione di musica etnica nell'Unione dei musicisti croati).

A Capodistria opera il gruppo Vruja che si ispira agli "Istranova", al duo "La Zonta", entrambi amanti della fisarmonica diatonica, la cosiddetta triestina e del bajs. Il gruppo polese "Marusicrew" (ex "Marusic Is Trio") ha il fondamento musicale nella ricerca della diversità musicale e nella linguistica istriana. Grazie alla moda della musica etnica, negli anni '90 una moltitudine di musicisti diversi di musica popolare (ča-val) ha cominciato a interessarsi alla musica istriana. Livio Morosin ha pubblicato diversi album, uno dei quali "Bura, tramuntana" (insieme a D. Marušić) ha vinto il premio discografico croato Porin come miglior album di musica etnica (2000). Tamara Obrovac ha arricchito la sua espressione jazz con alcuni elementi di musica tradizionale, ma non solo ed esclusivamente istriana. Il gruppo Gustafi ha incluso marginalmente, e più come un'aggiunta esotica al suo repertorio, brani tradizionali istriani recenti. Sotto l'influenza del festival "Melodije Istre i Kvarnera" (Melodie dell'Istria e del Quarnero) e grazie al recente interesse dimostrato in Istria, i cantanti pop come i fratelli Radolović del Duo Magnolija, il gruppo In vino veritas, Bruno Krajcar, Vilim Škuflić, Elio Pisak e altri si adoperano per creare una sorta di canti istriani. Anche se la musica etnica si basa su un pluralismo che si distacca dell'eurocentrismo, da noi è largamente accettata solo come una moda proveniente dall'Europa occidentale. Nonostante le intenzioni di esplorare modi nuovi e creativi per accedere alla tradizione, la maggior parte degli artisti accede alla tradizione marginalmente e invece di creare una correlazione tra questa e la musica contemporanea promuovendo un nuovo stile musicale, di lei si servono solo per aggiornare i generi popolari (jazz, rock, techno e altri). Nonostante una tradizione musicale istriana viva, il suono originale è sempre più tagliato fuori dalle sue fonti a causa dell'adattamento intenso cui viene sottoposto per essere adeguato alla musica etnica, e ciò che ne fuoriesce è raramente paragonabile a qualcosa che assomigli all'etnotrend.

 

D. Marušić