Quieto

Quieto (lat. Nongus, Nengon, cr. Mirna), il più lungo corso d'acqua in Istria; il fiume è lungo 53 km. La sua sorgente è nella parte sud ovest della Ciceria negli strati calcarei impermeabili. La sorgente ramificata è all'altitudine di 250 m nei fossati intagliati, a sud di Colmo e della frazione Ercaucici. Dopo 11 km verso Pinguente il suo corso superiore di tipo canyion, scende nella valle sotto la città a 49 m d'altitudine.

Da Pinguente fino all'estuario nel Adriatico vicino a Cittanova, il corso del fiume ha un lieve pendio, cosicché durante i medi livelli d'acqua è abbastanza placido, la caratteristica per la quale il fiume ha probabilmente avuto il nome. Dal canyon più stretto, attraversata la Porta in pietra, in discesa da Pinguente, la valle del fiume gradualmente s'allarga nella valle alluvionale, e vicino alle terme di Santo Stefano è largo cca 1 km, e nel bosco di Montona la larghezza aumenta. Per diminuire i danni provocati dalle alluvioni nella parte superiore del corso, il letto è stato regolato. Gli affluenti a destra prima del ponte a Pinguente sono le torrenti Draga e Recica, con alcuni corsi brevi e temporanei, poi dopo la Porta in pietra il piccolo fiume Braciana lungo 8 km cca, una decina di torrenti affluenti irregolari, e i piccoli corsi Delisica e Mulac ai piedi di Grisignana e Verteneglio. Gli affluenti alla sinistra sono per di più alluvionali, e la corrente ramificata di Verteneglio oggi è trasformata in lago artificiale accumulativo. Accanto agli affluenti sulla superficie sono importanti anche quelli sotto la superficie - le ricche fonti San Giovanni a Pinguente, Bulaz a nord est dalle terme di Santo Stefano e Gradole a 3,5 km in discesa dal Ponte Porton, come tipico fenomeno idrogeologico del Carso, sotto la piattaforma innalzata calcarea sulla costa sinistra del Quieto. Tutte queste fonti carsiche sono legate agli afflussi d'acqua sotto la superficie, i qual sono condizionati dai sistemi di fessure tettoniche negli strati calcarei e nel materiale molto composto infilato di struttura faldata dell'area della Ciceria. Il risultato di tale materiale strutturale è la grandezza uniforme della corrente sulla superficie e sotto la superficie. Per questa ragione nei casi di rovesci forti inaspettati si formano delle onde d'alluvione imprevedibili, d'altezza di 5 - 6 m al di sopra del livello ordinario, che provocano danni materiali ingenti (le grandi alluvioni del 1964, 1993 e 2002). Il bacino orografico del Quieto è di 401,9 km2, e gli si aggiungono anche i 180,6 km2 della corrente sotto la superficie nel retroterra calcareo, per un totale di 583,5 km2. Secondo le diverse stime sulla grandezza della corrente sotto la superficie i dati variano dai 458 ai 583 km2.

S. Božičević