Dell’Oca, Zuan’ Antonio

Dell'Oca, Zuan' Antonio, geometra (XVI sec.). Nelle fonti e nella bibliografia il suo cognome appare in diverse forme: All'Occha, Dell'Oca, Dall'Occa, L'Oca, L'Ocha, De Locha, Loca ecc. Era l'agrimensore del provveditore per i terreni incoltivati sul polese e uno dei promotori della colonizzazione dei bolognesi attorno al 1560.

Dopo la misurazione del polese ha creato la carta dell'Istria meridionale (124,5 cm x 113 cm), disegnata con la penna e dipinta in diversi colori con il pennello. È conservata nel Museo Correr a Venezia. Secondo le misurazioni il polese aveva 7% cca di terreno coltivato e 93% cca del terreno incoltivato. Sono stati registrati i pozzi, i bacini, i serbatoi e le fonti, con il che si voleva dare l'impressione che l'Istria meridionale fosse ricca d'acqua. Dell'Oca ha aggiunto alla carta il rapporto nel quale ha elencato i porti e i porticelli e la serie di isolette attorno a Pola. La tabella dei terreni dei comuni rurali dimostra che le lande occupavano un'immensa parte del terreno e che minacciavano l'esistenza degli abitanti dell'Istria meridionale (72 villaggi abbandonati). Nonostante l'abilità cartografica dell'autore, la carta non era tanto utile per il processo di popolazione. Dell'Oca non ha elaborato il catasto analitico, ma solo una carta panoramica e un rapporto sommario sulle superfici coltivate e incoltivate. Nonostante le future critiche che la carta riporta vari errori, questa è la più chiara immagine dei lotti nell'Istria meridionale.

 

BIBLIOGRAFIA: G. E. Ferrari, I manoscritti concernenti Pola in biblioteche Veneziane, Trieste 1978; M. Bertoša, Istra: Doba Venecije (XVI.–XVIII. stoljeće), Pula 1995.

S. Bertoša